Municipi

Speculazione edilizia, Gentili (PD): “Alla Magliana siamo pronti anche alle barricate”

Non si placano gli attacchi nei confronti del Piano Casa Polverini. Ora è il turno di Daniela Gentili, segretaria del circolo PD Magliana.
La Gentili difende a spada tratta il progetto Pr. Int. Buffetti, “ottimo progetto, unico a Roma per qualità, che nasce ed è stato confezionato dal Municipio con la precedente Giunta Paris ed è nelle linee programmatiche dell’attuale Giunta Veloccia”. Ed è inaccettabile che la spunti, invece, la speculazione edilizia consentita dal Piano Casa Polverini.

“Il Pr.Int. “ex Buffetti” nasce da un percorso di progettazione partecipata che presuppone una riqualificazione sostanziale ed imprescindibile del quartiere e l’arrivo di servizi attesi ed indispensabili, come una nuova piazza, un auditorium pubblico, l’allargamento del sottopasso ferroviario, parcheggi, commerciale di qualità, fondi per un nuovo asilo, ecc. Siamo in un quadrante già nato dalla speculazione edilizia degli anni 60-70 con una delle più alte densità abitative. Di certo non accettiamo ulteriori 40.000 m3 di residenziale. La realizzazione del Pr.int ex Buffetti è tassello fondamentale di una riqualificazione che la città e le Istituzioni debbono al quartiere ed è stata fin troppo attesa dai cittadini; una riqualificazione che vede unitamente alla realizzazione del Pr.int. lo sgombro ed il recupero della scuola ex 8 Marzo, la realizzazione della cabinovia sul Tevere di collegamento con la Metro B, il completamento del Parco Tevere sud e la sistemazione di piazza Certaldo. Rivendichiamo la possibilità di riscatto di questo quadrante e non accettiamo ulteriori speculazioni”.

Il circolo del Partito Democratico della Magliana promette battaglia in tutte le sedi politiche e istituzionali affinché si impedisca questo scempio.

“Occorre mettere un punto ai danni prodotti dalla Giunta Polverini e servono fatti immediati – conclude Daniela Gentili -. Saremo col fiato sul collo di tutti i protagonisti ed al fianco della cittadinanza in questa battaglia e ribadiamo anche con le barricate se questo sarà necessario e la storia dimostra che alla Magliana, all’occorrenza, le sappiamo fare”.

By