Roma

Rifiuti, Clini: “Una nuova discarica non risolve l’emergenza. Puntiamo su raccolta differenziata e ciclo industriale del recupero”

“Le discariche non risolvono l’emergenza rifiuti a Roma e nel Lazio. E’ opportuno potenziare la raccolta differenziata e puntare tutto sul ciclo industriale del recupero”. E’ questo il parere dell’ex ministro dell’Ambiente Corrado Clini, intercettato a margine della Festa dell’Unità.

di LUCIO LUSSI

Emergenza rifiuti a Roma e nel Lazio. In che modo è possibile allineare la Capitale agli standard di qualità previsti dalle leggi nazionali e dalle direttive comunitarie?

“Semplicemente organizzando il sistema di raccolta dei rifiuti in funzione del loro recupero. In questo modo, la raccolta differenziata deve essere connessa al ciclo industriale del recupero. Da questo punto di vista il lavoro che abbiamo avviato nei mesi scorsi va nella direzione giusta, ma adesso ha bisogno di ulteriori strumentazioni, soprattutto da un punto di vista organizzativo. La città deve essere messa in condizione di poter gestire la raccolta dei rifiuti in funzione del loro recupero, ma questo ancora non avviene in parti importanti di questa città, mentre in altre si nota maggiore coerenza con le organizzazioni sperimentate già in altre città italiane e europee. Nonostante alcuni presupposti che lasciano ben sperare, siamo ancora leggermente indietro rispetto ai principali standard di qualità”.

La soluzione all’emergenza, quindi, non può essere l’aver trovato tre location alternative a Malagrotta…

“No, se l’obiettivo è quello di uscire dall’emergenza rifiuti con altre discariche andiamo nella direzione sbagliata. Le discariche devono esistere come strumenti/impianti residuali. Devono diventare “discariche di servizio” per la raccolta della parte di rifiuti non recuperabile o degli scarti provenienti dalla lavorazione dei rifiuti stessi. In questo modo, le discariche coprirebbero un fabbisogno tra il 10 e il 20%. Siamo completamente fuori strada se continuiamo a considerare le discariche come lo strumento principale nella gestione dei rifiuti”.

 

By