Mondo » Politica

Razzi vola a Pyongyang per riappacificare le due Coree. Miracoli della politica bipartisan

 

Lo avevamo lasciato in un fuori onda in cui dipingeva il Parlamento, e la politica in generale, come un covo di serpi pronte a fregarti e lo ritroviamo intento a riappacificare le due Coree.

 

Di LUCIO LUSSI

 

Strano destino quello di Antonio Razzi, ex deputato dell’Italia dei Valori trasmigrato alla corte di Silvio Berlusconi nell’autunno 2010 quando il Cavaliere perdeva pezzi alla Camera e rischiava una crisi di governo.
Ma in politica la fedeltà paga e Razzi è stato rieletto in Senato e, come se non bastasse, nominato segretario della Commissione Affari Esteri del Senato. Miracoli degli accordi bipartisan.

Adesso ha davanti a sé l’occasione della vita per riscattarsi e riscattare l’immagine che lo identifica, insieme a Scilipoti e compagnia bella, come l’alfiere della cialtroneria politica.

“Dopo aver visto nei giorni scorsi l’ambasciatore della Corea del Nord – ha dichiarato Razzi – martedì prossimo sarò a pranzo con l’ambasciatore della Corea del Sud. Il 24 luglio poi partirò alla volta della capitale della Corea del Nord, Pyongyang, per incontrare il leader Kim Jong-un e cercare di porre le basi per questo incontro per cui mi sto battendo da tempo. Qualcuno ha ironizzato sulla mia iniziativa ma forse ci voleva proprio Antonio Razzi per cercare di promuovere un progetto che nelle mie intenzioni dovrebbe portare, perché no, a un riavvicinamento fra i due Paesi, e a una riunificazione, a distanza da quel lontano 1953 quando, al termine della guerra, i Paesi si separarono. Far cadere quel ‘Muro’, lungo il 38° parallelo, come si è riusciti a buttare giù quello delle due Germanie nel 1989, oggi è ancora un sogno che potrebbe però diventare in futuro realtà”.

Abbiamo trovato il novello Kissinger pronto a costruire la pace tra le due Coree.
Sarà proprio il senatore Antonio Razzi da Giuliano Teatino a riuscire dove fior di diplomatici e capi di stato hanno fallito? E a scongiurare un terzo conflitto mondiale dovuto alle intemperanze nord coreane?

Dalla sua pagina su Wikipedia apprendiamo che “nel 2013, in qualità di Senatore per il PDL, pronuncia un discorso per sostenere l’ammodernamento della tratta ferroviaria Pescara-Roma, che suscita scalpore per la non corretta sintassi e i grossolani errori di grammatica”.

Speriamo che il traduttore riesca a fare il miracolo…

By