Cultura

Peperoncino che passione! La kermesse di Ipse Dixit dedicata al “frutto rosso” chiude oggi presso il Centro Commerciale I Sedici Pini di Pomezia

peperoncino_bartalotta

peperoncino_bartalottaDegustazione, cultura, tradizione e innovazione. Tutto questo e molto altro ancora è la manifestazione “Peperoncino che passione: storia, cultura e tradizione” che si conclude oggi 8 marzo presso il Centro Commerciale “I Sedici Pini” di Pomezia (Roma).
GUARDA L’INTERVISTA A MODESTINO MEOLI, DIRETTORE CENTRO COMMERCIALE SEDICI PINI
L’iniziativa, organizzata da Ipse Dixit, la delegazione romana dell’Accademia del peperoncino, e iniziata il 27 febbraio, realizza per la prima volta un connubio perfetto tra tradizione e innovazione.
La tradizione è rappresentata dalla qualità dei prodotti che gli espositori hanno portato a Pomezia, l’innovazione invece è quella tecnologica realizzata da “UbiMedia” che ha trasmesso in diretta streaming tutta la parte convegnistica, compreso l’intervento telefonico del Presidente Enzo Monaco, i laboratori del gusto e il collegamento con Pino Cauteruccio in diretta da WhiteRadio (www.whiteradio.it).

Ipse Dixit, con il suo impegno costante, intende favorire la conoscenza e l’uso del peperoncino a 360 gradi, nei contesti più disparati, che spaziano dalla gastronomia alla cultura, dalla medicina alla scienza e alla letteratura.
E al peperoncino, che diventa un vero e proprio simbolo, si collega la valorizzazione del grande patrimonio delle eccellenze regionali attraverso le quali si propagano la tradizione e la cultura italiane.
Gli espositori che provengono dalla Puglia, dalla Sardegna, dalla Sicilia, dal Lazio e, ovviamente dalla Calabria faranno degustare i loro prodotti, piccanti e non, durante tutta la manifestazione.

Gli eventi di “Peperoncino che passione” sono stati seguiti in tutta Italia (e in tutto il mondo) grazie alla diretta streaming di Ubimedia e al canale Tv Tele Diamante (Tv locale della città sede dell’Accademia Italiana del Peperoncino) che ha trasmesso tutto gli eventi.
I numeri dei contatti sono entusiasmanti, prova dell’interesse e della curiosità per il tanto amato “frutto rosso”.

Nella giornata inaugurale di sabato 27 febbraio, dopo la conferenza stampa di apertura, con il Direttore del Centro Commerciale Sedici Pini Modestino Meoli, il Presidente della Pro loco di Pomezia, Claudio Mazza, il Presidente di Ipse Dixit, la delegazione romana dell’accademia del Peperoncino, la dottoressa Claudia Papalini, agronomo ARSIAL, ha condotto un vero e proprio “Viaggio nel mondo del peperoncino”, partendo dalle origini fino al suo arrivo in Europa, per passare poi alla coltivazione ed alla lavorazione.
Antonella D’Andrea ha snocciolato gli effetti del peperoncino sulla psiche. Oltre i più comuni riferimenti all’eros e all’effetto afrodisiaco, ancora tutto da dimostrare a livello scientifico, Antonella D’Andrea è passata ad elencarne le principali caratteristiche: il colore, la forma, la piccantezza e le loro dirette conseguenze a livello psicologico e neurologico, definendo “masochismo benefico” quella sorta di piacere nel provare il “dolore” piccante, più o meno forte a seconda del peperoncino che si va a consumare.

Nella giornata di domenica 28 febbraio Adelina Guerriero, presidente della delegazione dell’Accademia del Peproncino “Verde Pollino” di Castelluccio Superiore (Potenza) ha inaugurato il Laboratorio del Gusto, durante il quale ha svelato ai presenti e agli spettatori connessi in diretta streaming i segreti realizzare una marmellata di peperoncino e come preparare peperoncino e cipolla in agrodolce. Ai presenti presso il centro Commerciale Sedici Pini di Pomezia è spettata anche la fortuna di degustare il prodotto finale. La parte convegnista è stata molto fitta, dinamica, divertente ed interessante. Si è aperta con la presentazione del libro “Peperoncino Amore Mio”, del prof. Enzo Monaco, autore del volume,intervistato in collegamento telefonico da Diamante (CS), da Antonio Bartalotta, Presidente della delegazione romana dell’Accademia italiana del peperoncino. Il Prof. Monaco, a conclusione dell’intervento ha fatto gli auguri per il secondo compleanno di Ipse Dixit “la delegazione romana in poco tempo ha acquisito grande visibilità e prestigio” ha detto Enzo Monaco, ha continuato “è una realtà che lavora bene sul territorio, ma è un importante punto di riferimento anche a livello nazionale”. Gli auguri ad Ipse Dixit sono giunti anche da Francesco Serratore, Presidente dell’Associazione Profumi e Sapori di Calabria. Il dott. Antonio Ferro, medico specialista in odontoiatria, ha tenuto una relazione dedicata all’utilizzo del peperoncino in odontoiatria. Secondo il medico, infatti, un preparato piccante può dare sollievo nell’ambito di una patologia infiammatoria.
Ad arricchire il quadro di eventi, la torta offerta dalla pasticceria Mazza.

Molto fitto anche il cartellone di sabato 5 marzo. La mattina è stata aperta dal Laboratorio del Gusto e da un piacevole aperitivo piccante. Nel pomeriggio, invece, particolarmente affollata è stata la degustazione dei vini di Calabria tenuta da Giuseppe Palmieri, vice presidente della Fondazione Italiana Sommelier Calabria. La serata si è conclusa con un’esibizione di tarantella e pizzica a cura della coreografa e ballerina Viola Provenzano.
Il primo evento di domenica 6 marzo è stato il laboratorio di Adelina Guerriero e Daniela Piron (consigliera di Ipse Dixit) dedicato alla conservazione e alla lavorazione del peperoncino. Nel pomeriggio, invece, il presidente di Ipse Dixit Antonio Bartalotta e i consiglieri Ubaldo Proto e Stefano Ubaldini hanno presentato le attività dell’associazione. Dalle 17, poi, è stato il turno del comico e attore Gigi Miseferi che ha condotto la gara dei mangiatori di pasta piccante, offerta da I Food.

Peperoncino che passione si conclude oggi 8 marzo, festa della donna, con un dono particolare per le signore: mimosa piccante! E sarà presente un ospite d’eccezione: l’attore Gianni Pellegrino che distribuirà il simpatico regalo travestito da sua maestà il peperoncino.

By