Municipi

Municipio I: Consiglio Municipale contro omofobia e transfobia. Presto il Registro delle Unioni Civili. SEL: “Al centro della nostra azione politica i diritti”.

Il Consiglio del Municipio I Roma Centro, convocato nella sede di Via
della Greca in occasione della “Rome Rainbow Week”, promossa da Roma
Capitale, ha dedicato oggi un’intera seduta ai temi dell’omofobia e
della transfobia aprendo l’aula consigliare alle storie, alle
esperienze ed alle testimonianze positive di diritti e di integrazione
delle persone LGBT. A darne notizia, in una nota congiunta, i
Consiglieri Mauro Cioffari, Jacopo Maria Argilli e Graziella Manca del
Gruppo di Sinistra Ecologia Libertà.

“Nella settimana dedicata alla lotta ed al contrasto all’omofobia e
alla transfobia”, dichiarano Cioffari, Argilli e Manca, “superando lo
stereotipo vittimistico, abbiamo voluto dare la parola alle persone
LGBT che hanno testimoniato il loro percorso di emancipazione, di
integrazione e di realizzazione nella società”.

“Una scelta politica forte”, dichiarano Cioffari, Argilli e Manca,
“che vuole contribuire alla socializzazione delle esperienze positive
ed al contrasto dei pregiudizi e che si arricchisce della notizia, da
parte della Presidente Alfonsi, di rispettare il programma elettorale
della maggioranza municipale istituendo quanto prima il Registro delle
Unioni Civili”.

Durante i lavori del Consiglio è stato approvato un ordine del giorno,
proposto da Sinistra Ecologia Libertà e sottoscritto dalle altre forze
di maggioranza, di Solidarietà alla Chiesa Valdese, alla Comunità LGBT
e alla città di Roma, offese dalle scritte omofobe, dalle svastiche e
dalle croci celtiche apparse sulla facciata della Chiesa Valdese di
Piazza Cavour. Sono stati discussi ed approvati, inoltre, un ordine
del giorno di adesione alla “Rome Rainbow Week” ed una mozione,
fortemente voluta dal Gruppo di Sinistra Ecologia Libertà, di adesione
e partecipazione al “Roma Pride 2014”.

“Accogliamo con soddisfazione l’impegno preso dalla Presidente Alfonsi
in merito all’istituzione del Registro delle Unioni Civili poiché è
necessario che le istituzioni, a partire dai Municipi, facciano la
loro parte in merito al pieno riconoscimento dei diritti civili e di
cittadinanza e che si passi”, dichiarano Cioffari, Argilli e Manca,
“dalla solidarietà per le vittime di omofobia e transfobia a politiche
volte al riconoscimento dell’uguaglianza di tutti i cittadini a
prescindere dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”.

“Al centro della nostra azione politica”, concludono Cioffari, Argilli
e Manca, “la lotta ai pregiudizi, il contrasto all’omofobia ed alla
transfobia, il riconoscimento dei diritti civili e l’affermazione
dell’uguaglianza fra cittadini”.

Al Consiglio tematico hanno partecipato numerosi cittadini con le loro
testimonianze ed hanno collaborato molte associazioni tra cui ANDDOS,
Arcigay, Arcilesbica, Digay Project, Equality Italia, Famiglie
Arcobaleno, Libellula, Rete Evangelica Fede e Omosessualità, Luiss
Arcobaleno e Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli.

By