Campidoglio

Mafia Capitale: i lavoratori della coop 29 giugno occupano l’assessorato. Alle 18 incontro Prefetto-Marino

campid

Sale la tensione nell’ambito dell’inchiesta “Mafia capitale”. I lavoratori della Cooperativa 29 giugno, fondata da Salvatore Buzzi, arrestato nei giorni scorsi, hanno occupato l’assessorato comunale alle Politiche sociali di viale Manzoni, nel centro di Roma. Sul posto la polizia. Secondo quanto riferito, sono alcune decine di persone che protestano sia dentro sia fuori la struttura. Occupata la sala delle conferenze. Tra i manifestanti anche esponenti del movimento studentesco e movimenti per la casa.
Le ultime vicende giudiziarie che coinvolgono la cooperativa di Buzzi renderebbero poco stabili numerosi posti di lavoro. Da qui la protesta.

Nel pomeriggio, alle 18, è in programma l’incontro tra il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro e il sindaco Ignazio Marino. Il vertice avverrà a porte chiuse in via IV Novembre 119/A. Mentre in mattinata, il ministro degli Interni Alfano ha fatto il punto con Pecoraro durante un incontro al Viminale.
Sono cominciati, intanto, a piazzale Clodio gli interrogatori di garanzia di quattro degli otto indagati finiti agli arresti domiciliari una settimana fa. A tenere gli interrogatori e’ il gip Flavia Costantini, magistrato che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare, alla presenza del pm Luca Tescaroli, uno dei titolari dell’inchiesta giudiziaria.

Sulle vicende di “Mafia Capitale” è intervenuto nuovamente il presidente del Senato Piero Grasso. Per fare luce nelle nuove maglie della corruzione, torna ad essere fondamentale il ruolo della buona politica: “La politica deve avere uno scatto, un colpo di reni, una rivolta morale per cercare di eliminare prima ancora della magistratura dalle proprie fila coloro che non meritano di rappresentare i cittadini – ha dichiarato Grasso a Vasto per l’inaugurazione di un monumento ai Carabinieri -. La condanna deve essere molto forte per questi comportamenti”.

By