Campidoglio

Campidoglio, Nieri: “Rimpasto? Parola vecchia. Ma ora cambio di passo”

luigi nieri

“Rimpasto mi sembra una parola vecchia, un po’ antica. Dopo l’approvazione del Salva Roma e’ chiaro che entriamo in una fase nuova. E’ ovvio che nell’entrare nella fase di bilancio serve cambiare passo”. Cosi’ il vicesindaco di Roma Luigi Nieri risponde, a margine di una conferenza in Campidoglio, a chi gli chiede se fosse necessario un rimpasto della giunta capitolina guidata da Ignazio Marino. “Il sindaco ha aperto un confronto con la giunta gia’ da qualche settimana – spiega – un passaggio di approfondimento sui punti di lavoro per i prossimi mesi. Poi c’e’ stata una fase di ascolto con la citta’, dalle forze produttive alle organizzazioni del mondo del lavoro fino all’associazionismo. Ora non c’e’ dubbio che il sindaco debba fare una sintesi di tutto questo lavoro. Marino, inoltre, in questa fase ha un costante confronto con i partiti di maggioranza. Con loro dobbiamo affrontare questa nuova fase. Non c’e’ dubbio – aggiunge Nieri - che ci sia bisogno di uno slancio in avanti. Dobbiamo affrontare il bilancio con il massimo della forza e della coesione tra giunta e maggioranza”.

Il vicesindaco è intervenuto anche sulla privatizzazione di Atac: “Oggi nella fase complicata di bilancio e di fondi non e’ questo il momento di parlare di privatizzazione di Atac. Questa e’ la fase di rendere efficiente l’azienda – spiega – E’ evidente che gli anni di Parentopoli, e questo non lo diciamo noi ma le inchieste della Procura della Repubblica, non sono passati senza creare danni. Questa giunta sta affrontando i danni creati”.

By