Cultura

AGI – Associazione di Giornalismo Investigativo

Il Monitore Romano inizia una nuova collaborazione con l’AGI, Associazione di Giornalismo Investigativo. All’AGI ed in particolare ai corsi organizzati da questa associazione, sarà da oggi dedicato un importante spazio sul nostro magazine con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di un modello di giornalismo orientato ad un’accurata e documentata analisi dei fatti sociali e politici. Nel ringraziare l’AGI e la GSR Coop per questo accordo di collaborazione, la redazione de Il Monitore Romano formula i migliori auguri per la migliore riuscita della joint venture.

L’Associazione di Giornalismo Investigativo (che con l’inchiesta Toxic Europe ha vinto il prestigioso premio BIOCR (Best International Crime Report) organizzato dal Premio Ilaria Alpi e dal Network Flare) è nata nel 2007 con l’ambizione di contribuire allo sviluppo di un modello di giornalismo orientato all’analisi accurata e documentata dei fatti sociali e politici. La riflessione sulle metodologie e gli strumenti di inchiesta giornalistica, particolarmente sviluppata negli Stati Uniti, in Italia non è mai stata affrontata, se non in modo occasionale. Eppure oggi più che mai chi intende avviarsi, o già lavora, nel campo del giornalismo ha bisogno di una formazione specialistica, di una ben definita “cassetta degli attrezzi” composta di conoscenze teoriche e pratiche allo stesso tempo. Per qusta ragione l’AGI ha sviluppato dei percorsi formativi e delle metodologie volte a consentire soprattutto a chi già pratica la professione l’acquisizione di nuovi e innovativi strumenti operativi.

Per questa ragione l’AGI ha organizzato nel 2007 il primo Master in giornalismo investigativo e analisi delle fonti documentarie , giunto adesso alla sua VII edizione, che ha annoverato tra i suoi docenti, Fabio Mini, Guido Olimpio, Marco Travaglio, Guido Salvini, Sabrina Giannini, Giovanna Boursier, Mario Portanova, Luciano Scalettari, Mauro Falesiedi etc. e numerosi altri professionisti di altissimo livello. Il successo dell’edizione milanese del Master, ha portato l’Associazione ad allargare il quadro delle sue attività attivando una edizione del Master a Roma .

Le diverse edizioni del Master hanno avuto il patrocinio e il riconoscimento dell’Ordine dei giornalisti della Puglia, dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia (edizione 2008 e 2009), dell’Ordine dei giornalisti del Lazio. Nel corso degli anni sono state diverse le istituzioni (Ordine della Lombardia, Istituto Superiore per il giornalismo di Palermo, Fondazione Roma) che hanno offerto diverse borse di studio per la partecipazione ai Master dell’Associazione. Insieme ai master in giornalismo investigativo l’AGI ha attivato numerosi corsi di formazione professionale, tra cui un corso in videogiornalismo che ha sviluppato delle videoinchieste per Current TV e il primo Master in Reporting di guerra .

In questi anni l’Associazione ha collaborato con associazioni di altissimo prestigio, tra cui (Chiarelettere, Internazionale, Altreconomia, Affari Italiani, Reporters senza frontiere, Limes, Intersos, Current tv, Premio Ilaria Alpi) con la consapevolezza che solo un percorso formativo di altissima qualità può garantire una concreta possibilità di lavoro e carriera a chi già lavora o intende lavorare nel campo del giornalismo. L’Associazione di giornalismo investigativo ha come Presidente Esecutivo Leonida Reitano e come membri del consiglio direttivo: Massimo Rodà (Confindustria) Luca Reitano (Digilab La Sapienza), Rosaria Talarico (La Stampa) Federico Pignalberi (Agora Vox) Le tecniche investigative sviluppate dall’AGI hanno contribuito in maniera significativa allo sviluppo dell’inchiesta Toxic Europe sul traffico di rifiuti tossici in Europa. L’inchiesta Toxic Europe ha vinto il prestigioso premio BIOCR (Best International Crime Report) organizzato dal Premio Ilaria Alpi e dal Network Flare.

Tra le ultime attività dell’Associazione ci sono, l’organizzazione di un Festival di giornalismo investigativo e la direzione di una collana di giornalismo investigativo per la casa editrice Minerva.

I soci onorari dell’Associazione sono:

Enzo Ciconte, (Presidente Osservatorio sulla criminalità organizzata del Lazio),

Guido Salvini (GIP- Procura di Milano),

Mauro Falesiedi (First Officer di Europol),

Valerio Vartolo (Avvocato esperto di diritto dell’informazione)

Luciano Scalettari (Famiglia Cristiana)

 Al centro dell’attività dell’Associazione si pongono lo studio, la ricerca, il dibattito, le iniziative editoriali, la formazione  e l’aggiornamento culturale, nel settore del giornalismo investigativo, ponendo  altresì l’attenzione sulle seguenti aree:

  • Videogiornalismo;
  • Sicurezza e geopolitica;
  • Giornalismo;
  • Editoria Multimediale;
  • Tutte le attività correlate al mondo della comunicazione.

Ed in particolare:

L’organizzazione di corsi di formazione tendenti a diffondere nuove forme di giornalismo;

Realizzazione di confronti tra giornalisti, ed esperti delle disciplina collegate sulle tematiche e metodologie del giornalismo investigativo;

Organizzazione di convegni aventi per tema il giornalismo d’inchiesta ed il rapporto tra giornalismo e democrazia.

By